EPIFANIA OCCITANA-VALLE MAIRA D'INVERNo

Trekking con le ciaspole in valle Maira

4 giorni - 03/01 - 06/01 2019

 La Valle Maira in inverno? Un sogno. La densità di popolazione è uguale a quella della Groenlandia. Le gite con le ciaspole permettono di scoprire le tracce degli animali sulla neve (e magari verificare se davvero è arrivato il lupo in valle). E le passeggiate senza racchette ci conducono a chiese, santuari e antichi borghi in pietra (tra i tanti piccoli gioielli la chiesa di Elva) con le loro storie e l’arte della valle. Andiamo alla scoperta della lingua Occitana con la visita al centro di informazione sull’Occitania. E a scoprire curiose formazioni geologiche. Infine, probabilmente, per un dolce arrivederci, ci salutiamo in qualche gustosa pasticceria di Dronero. Nel 2019 sono 14 anni che accompagno gruppi in valle Maira.

328 4948656

Scrivici 

 

TREKKING VALLE MAIRA : LA REGIONE

La Valle Maira (val Maira) è forse la più nota delle valli occitane piemontesi. Si estende per oltre 40 km di lunghezza, percorribili sulla SP 442. Ha un unico valico carrozzabile con la val Varaita, attraverso il colle di Sampeyre (m 2284) e passi alpini verso l'Ubaye. È in sostanza una valle chiusa, nel cuore delle Cozie, con molte valli laterali tributarie a orientamento Nord-Sud, sui due versanti. Per la sua accidentata orografia e l'isolamento ha mantenuto l'uso della lingua occitana più a lungo e per tutta la sua estensione, dal fondovalle di Busca e Dronero. 

L’occitano è una lingua neolatina o romanza. Deve il suo nome a Dante Alighieri che nel XIV secolo classificò le parlate romanze in base alla particella affermativa determinando tre idiomi: la lingua del sì, l’italiano, la lingua dell’oil, oiltano o francese, e la lingua d’oc, l’occitano. Per cui l’Occitania non è uno stato od una regione, ma il territorio in cui si parlava la lingua d’oc. Questo territorio si estendeva dalla Catalogna al sud della Francia, fino ad arrivare a 14 valli italiane, ad ovest di Cuneo.

IL VIAGGIO

A spass per lou viol, un Viaggio a piedi sui Percorsi Occitani nelle Alpi Cozie, La Valle Maira in inverno? Un sogno. La densità di popolazione è uguale a quella della Groenlandia. Le gite con le ciaspole permettono di scoprire le tracce degli animali sulla neve (e magari verificare se davvero è arrivato il lupo in valle). E le passeggiate senza racchette ci conducono a chiese, santuari e antichi borghi in pietra (tra i tanti piccoli gioielli la chiesa di Elva) con le loro storie e l’arte della valle. Andiamo alla scoperta della lingua Occitana con la visita al centro di informazione sull’Occitania. E a scoprire curiose formazioni geologiche. Infine, probabilmente, per un dolce arrivederci, ci salutiamo in qualche gustosa pasticceria di Dronero. Nel 2019 sono 14 anni che accompagno gruppi in valle Maira.

IL PROGRAMMA

3/01/2019 - 1° GIORNO - Dronero e i Ciciù del Villar m 

 

Dislivello: + 445 m; - 445 m - Ore di cammino: 3


Ritrovo dei partecipanti a Dronero da dove ci trasferiamo al parco naturale dei Ciciù del Villar nelle vicinanze di Dronero per un’escursione con o senza ciaspole (secondo l’innevamento) fino al panoramico Colle della Liretta a 1100m. Trasferimento in bus privato all'albergo nelle vicinanze di Acceglio.

4/01 - 2° GIORNO  - Chiappera 1623m – Vallone del Maurin 2000m

Dislivello: + 450 m; - 450 m - Ore di cammino: 5

 

Escursione con partenza da Chiappera, l’ultima borgata della Alta Valle con la Rocca Franco Provenzale e la vertiginosa Torre Castello.

5/01 - 3° GIORNO  - La Costa Cavallina 2000m e il paese di Elva 1637m (trasferimento in pulmino all’inizio del percorso) 

Dislivello: + 500 m; - 500 m - Ore di cammino: 5  

 

Una stupenda salita su un'ampia cresta ci permette di arrivare sul crinale tra Val Maira e Val Varaita con vista sul Monviso. Elva ci aspetta con la sua chiesa: visita alla Parrocchiale con gli affreschi di Hans Clemer e il museo dei Pells. Rientro in pulmino all’albergo.

6/01 - 4° GIORNO - Chialvetta 1494 m – Prato Ciorliero 2000 m

 

Dislivello: + 550 m; - 550 m  - Ore di cammino: 5

 

Oggi risaliamo tranquillamente il Vallone di Unerzio dove tocchiamo le bellissime borgate di Prato Rotondo e Viviere proseguendo poi per Prato Ciorliero. Al rientro trasferimento a Dronero.

 

RITROVO: giovedì 3 gennaio 2019 ritrovo a Dronero, CN, alle 10.

Trasferimento in pulmino privato all'Hotel. Chi viene in auto la lascia a Dronero in modo da non avere problemi di catene e gomme da neve su strade ghiacciate etc. Tutti i trasferimenti si svolgeranno con lo SHERPABUS il taxi delle Montagne della Val Maira con autisti qualificati. Per raggiungere la valle Maira arrivati a Cuneo prendere il bus (linea 92929) che porta direttamente a Dronero. In auto: autostrada Torino-Savona, uscita Mondovì, seguire per Cuneo e poi per Dronero (da Cuneo 20 km).

 

RITORNO: domenica 6 gennaio 2019 a Dronero intorno alle 16. Da qui è possibile proseguire in bus o con un passaggio in auto per Cuneo. 

IL CAMMINO

Ciaspolate facili su piste battute o su brevi tratti di neve fresca agevoli e senza pendii particolarmente ripidi. Camminate senza ciaspole su strade forestali..

 
 

MANGIARE DORMIRE IN VAL MAIRA IN PIEMONTE

Pernottamenti con la formula della mezza pensione in Albergo a tre stelle.

Camere a 4/5 letti. Possibilità di avere camere da 2/3 letti in numero limitato fino ad esaurimento con 20 euro in più a testa.  Cene con la formula della mezza pensione abbondanti e molto buone Le colazioni anche esse in struttura . I pranzi al sacco con panini acquistati nella struttura o in negozi di alimentari. Una "merenda sinoira" (merenda cena) a Elva.

LA QUOTA COMPRENDE

€ 485 a persona

 

Comprende:  organizzazione del viaggio, guida, assicurazione, la mezza pensione in albergo, con camere a 4/5 letti. Possibilità di avere camere da 2/3 letti in numero limitato fino ad esaurimento con 20 euro in più a testa. La merenda cena a Elva. La visita Guidata della Parrocchiale e del museo a Elva.Tutti i trasferimenti con lo Sherpabus.

LA QUOTA NON COMPRENDE: il viaggio per raggiungere il punto di ritrovo e il ritorno, i pranzi al sacco, le bevande e gli extra durante le cene.

DIREZIONE TECNICA

Direzione tecnica a cura di: 

Pitti Viaggi S.r.l.
Via Italia, 12
52026 Castelfranco Pian di Scò (AR)
P. IVA 00910140516
Ass. RCT SAI M0404117104

 

Maurizio Barbagallo

Dal 2005 organizzo e accompagno viaggi a piedi nella natura. Ho lavorato con associazioni e tour operator leader nel settore. Ogni anno cerco di migliorare i percorsi e l’ospitalità. Le “mie zone” vanno dal Piemonte dove sono nato, alla Toscana dove vivo, alla Corsica alle Dolomiti e molte altre. Sono felice di aver dato il mio contributo alla crescita delle piccole economie locali delle strutture ricettive che ci accolgono. Ho imparato tanto dalle persone che ho accompagnato nei viaggi. Ogni gruppo è diverso e mi appassionano le dinamiche che accadono durante un trekking.

 

TREKKILANDIA

VIAGGIATORI PER PASSIONE, GUIDE PER PROFESSIONE, ALLEGRI PER NATURA.

Trekkilandia è una rete di 9 guide indipendenti che organizzano Tour Naturalistici, Viaggi a Piedi e Viaggi Trekking in Italia e nel Mondo

TUTTI I NOSTRI VIAGGI SONO REGOLARMENTE COPERTI DA AGENZIA VIAGGI/TOUR OPERATOR DA

MALD'AVVENTURA di GIUSEPPE GAIMARI 

Licenza 1227
P.I.V.A 01912530498
Rc Professionale Allianz
Polizza n: 500598394

NATURATOUR T.O. di FRANCESCA ULUHOGIAN
Numero REA: PI - 197416
Licenza n. 11901 del 19/09/2018
Indirizzo Sede: Via Cristoforo Colombo, 6 - 56010 - Vicopisano - PI
Indirizzo PEC: francesca.uluhogian@pec.it
e-mail: info@naturatour.it
P.iva: 02213790344

PER INFORMAZIONI

trekkilandia@gmail.com