TREKKING IN SARDEGNa

iglesiente e cammino di santa barbara

Le migliori escursioni del Sud Ovest della Sardegna e del Cammino di Santa Barbara in un unico Trekking avventuroso e avvincente tra costa ed entroterra.

8 posti disponibili

 

7 giorni - 25/10 - 31/10

con Carla Pau

Questa è la Terra dei Giganti, la terra del cammino di Santa Barbara, dove l'uomo ha cercato di governare la Natura. E' la terra del vento che solleva le onde. E' la terra del popolo dei surfisti e dei viaggiatori ontheroad. E' la terra dei gloriosi tramonti. Il Wild Wild West...deserti dorati e rocce infiammate. Pozzi, gallerie, case abbandonate, interi villaggi...il set perfetto per la guerra dei bottoni, perfette trincee e quartier generali dei ragazzini, figli e nipoti dei Minatori. Cammini piano e in silenzio nelle notti chiare, tendendo l'orecchio al bramito del Cervo, mentre l'ossidiana riflette la luce delle stelle. 

3406933470

Scrivici 

TREKKING OVEST SARDEGNA IN BREVE

Tipologia: itinerante 

Durata: 7 gg/6 notti

Trasporto bagagli: SI

Tipo di zaino: Giornaliero

Volo dall'italia incluso: No

Difficoltà del cammino: Medio 

Giorni di cammino: 5

Ore di cammino al giorno: 5 - 6

Motivo della difficoltà: fondi disconnessi a tratti sdrucciolevoli o scivolosi (sabbia, roccia, scogli, terra), brevi ma ripide discese e salite in forte pendenza, esposizione solare prolungata.

Adatto come prima esperienza di cammino: consultate la Guida per approfondire (è richiesto un minimo di allenamento e abitudine a percorsi medio lunghi su fondi sconnessi e con pendenze medio impegnative)

Tipologia di struttura: residence, agriturismi, locanda/ostello

Tipo di alloggio: camera doppia/tripla con letti singoli e/o matrimoniali 

Bagni: in camera o in comune per il nostro gruppo

Pasti: colazioni in struttura, cene in struttura o ristorante, pranzi al sacco

Possibilità di singola: no

 

QUESTO VIAGGIO NEL SUO INSIEME E':

Viaggio di media difficoltà tecnica, si viaggia con zaino giornaliero, si dorme in strutture comode, si cena in ristorante o agriturismo

Due Ditoni.png

2 DITONI

 

IL PROGRAMMA

1°GIORNO - DAL GOLFO DI CAGLIARI AL SULCIS

Dall'areoporto di Cagliari Elmas prenderete il trenino che vi porterà in pochi minuti direttamente alla Stazione dei treni in Piazza Matteotti nel centro di Cagliari, dove ci incontreremo alle h 16 per salire sul nostro bus che ci porterà all'estremità dell'area geografica sulcitana al confine con il Campidano (circa 1 oretta di viaggio). Se vi trovate a Cagliari dalla sera precedente dovrete spostarvi in autonomia alla Stazione quindi vi consiglio di scegliere un alloggio nei quartieri di Marina o Stampace per accorciare le distanze e poter raggiungere a piedi il luogo di incontro.

Nella nostra struttura immersa nell'entroterra collinare e boscoso faremo conoscenza e vi illustrerò il viaggio. Ceneremo in struttura per poi riposarci ed essere pronti alla prima escursione domani!

2° GIORNO - FORESTA IS CANNONERIS

 

km15, dislivello 400m, ore di cammino 5 circa, difficoltà media

 

A piedi ci incamminiamo fino a inoltrarci nell'Oasi dal paesaggioso montuoso detta Is Cannoneris, una delle Foreste piu' estese d'Europa fino a oltre 1000 metri di altitudine, la casa del Cervo Sardo, sito di importanza comunitario e circondata da ben 3 Oasi WWF.

Al termine dell'escursione torneremo all'agriturismo.

 

3° GIORNO - IL PROFONDO SUD: STRADA ROMANA E CAPO SPARTIVENTO

km 17, dislivello 300m, ore di cammino 6, difficoltà media

Escursione lungo la Costa Sud Ovest: un percorso costiero meraviglioso tra cale sabbiose e rocciose, isolotti e promontori ricoperti di macchia mediterranea, Lungo il tracciato in parte ancora visibile dell'antica direttrice di epoca romana che dalla costa rocciosa penetra nell'entroterra boscoso, raggiungeremo la Torre di Chia (antica acropoli di Bithia) per poi scollinare fino a Cala Cipudda, dove ci fermeremo all'ombra dei ginepri per riposare e pranzare. La seconda metà del percorso raggiunge in breve tempo il Faro di Capo Spartivento per iniziare, tra calette e praterie basse di sabbia, roccia e gariga, il tratto piu' suggestivo e panoramico con vista su Capo Malfatano e la Spiaggia di Tuerredda. Siamo prossimi alla punta piu' a Sud della Sardegna. Al termine dell'escursione partiamo alla volta dell'Iglesiente con mezzo privato per alloggiare nel panoramico alloggio nel villaggio di Nebida.

4° GIORNO - CAMMINO DI SANTA BARBARA: COSTA DELL'IGLESIENTE DA NEBIDA A CALA DOMESTICA

 

Km 16 km – 6 ore di cammino – dislivello complessivo 600 circa – difficoltà media

 

Un must dell'escursionismo in Sardegna, una delle piu' belle escursioni dell'Isola, una delle piu' belle tappe del Cammino Minerario di Santa Barbara. Oggi cammineremo lungo sentieri creati dai minatori e arrivati fino a noi grazie alla manutenzione delle associazioni locali e al passaggio di pascoli bradi di capre. Pozzi, gallerie e porti, mulattiere incontreremo sull' alta scogliera che sovrasta il Pan di Zucchero per poi scendere fino al Canal Grande di Nebida e giungere infine alla Spiaggia di Cala Domestica incastonata tra altipiani rocciosi e macchia mediterranea. Ad ogni passo un nuovo scorcio ci sorprenderà, come gli archi dei ginepri piegati dal vento, gli ombrosi boschetti pietrosi solcati da rigagnoli nel profondo delle gole sovrastate da soleggiate scogliere ricoperte da ginepri, elicriso, euforbia e lentisco. Al termine dell'escursione ci sposteremo con mezzo privato nel Guspinese, dove allogeremo presso il villaggio minerario di Montevecchio, alle pendici del Monte Arcuentu.

5° GIORNO - DAI BOSCHI DI MONTEVECCHIO ALLE DUNE DI PISCINAS 

 

Km 15 km – 6 ore di cammino – dislivello complessivo 600 circa – difficoltà media con brevi tratti esposti e passaggi più impegnativi che necessitano l’uso delle mani senza l’ausilio di attrezzatura.

 

Anche questa meravigliosa escursione fa parte del Cammino Minerario di Santa Barbara. Dall'area boscosa e collinare di Montevecchio, fortemente caratterizzata dalla presenza di uno dei più importanti centri minerari dell'isola, fino al mare della Costa Verde. Vie e sentieri nati per servire l'industria mineraria che non avevano un’unica direzione, ma tante diramazioni e sensi di percorrenza…Quante volte su e giù con muli, carri, a piedi, tra Montevecchio, Ingurtosu e Naracauli. Naracauli, resiste in silenzio, più forte del vento che soffia tra le finestre, cornici sulla natura che non lo vuole o non può ancora ingoiare e cancellare alla nostra vista. Non ci sono i tetti nella case e nei palazzi, la Chiesa e l’Ospedale, i cantieri, i pozzi, gli impianti, i canali…sempre li, nel silenzio delle montagna coperte di verde, dove i cervi bramiscono e a volte esplorano fino al Mare. Scendiamo e ci immergiamo sempre di più fino a che la sabbia sostituisce la terra e le dune ( tra le più alte d'Europa e protette in ogni loro aspetto) emergono tra il verde della macchia. Una distesa di sabbia sotto i nostri piedi fino a quando non ci ritroviamo in una delle più belle spiagge del Mondo. Ci riposiamo un po' qui prima di rientrare al nostro nuovo alloggio immerso nei verdi pascoli di Arbus.

6° GIORNO -  IL SENTIERO DELL'ACQUA TRA LE CIME DEL SUD SARDEGNA

Km 16, 6 ore circa, dislivello complessivo circa 750 (1050 m s.l.m), difficoltà media, senza difficoltà tecniche.

L'ultima escursione di questo viaggio va oltre il vostro immaginario. Il rumore dell'acqua ci accompagnerà lungo tutto il percorso attraverso il complesso del Linas, dove le montagne più  alte del Sud Sardegna, rocciose e battute dai venti fanno da vedetta al Medio Campidano , ai suoi campi, ai suoi paesi. Antiche carbonaie nel fitto di fitti boschi di leccio e sughere; sorgenti, torrenti e cascate. E' un'escursione che richiede impegno fisico ma da molta soddisfazione, per la bellezza dei paesaggi che si attraversano. Luoghi che pullulano di vita, storie umane e racconti. Ci incamminiamo da Perd'e Pibera (Gonnosfanadiga) subito in salite per poi scendere in territorio di Villacidro dopo aver raggiunto la cima del monte Santu Miali (1052). E' una deviazione sul percorso del Cammino di Santa Barbara troppo bello da evitare. Dopo aver attraversato il delizioso paese di Villacidro, con calma raggiungiamo la bellissima Cascata di Sa Spendula. Il romanzo "Paese d'Ombre" del Premio Nobel Giuseppe Dessì ispirerà i miei racconti su Parte d'Ispi, Norbio, La Fluminera.

7° GIORNO -  PARTENZE

 

Ci svegliamo nel cuore del centro storico di Cagliari e autonomamente raggiungiamo la Stazione da dove abbiamo iniziato il nostro viaggio.

Chi ha l' aereo nel tardo pomeriggio può concedersi una passeggiata nel centro storico di Cagliari attraverso i quartieri storici di Stampace, Marina e Villanova, fino a Castello. Il Museo Archeologico di Cagliari è davvero molto interessante e potrete ammirare le Statue dei Giganti di Monti Prama esposte magnificamente. Se volete assaggiare la cucina tipica cagliaritana vi consiglio un buon pranzo in uno dei ristorantini de La Marina. In alternativa potete scegliere una passeggiata lungo Su Siccu fino alla Chiesa di Bonaria, o addirittura raggiungere con i mezzi pubblici la Sella del Diavolo e Capo Sant'Elia per una breve escursione fuori porta con finale in Spiaggia.

LA REGIONE: SULCIS IGLESIENTE

Questa grande avventura del Sud Ovest della Sardegna fino al suo cuore pulsante: il Sulcis Iglesiente, il Guspinese tra montagna e Costa Verde.

Due giorni al confine con la piana del Campidano, alle porte del Sulcis: la scopriremo percorrendo un lungo tratto della sua costa, in un continuo sali e scendi tra colline e immense spiagge sabbiose, calette e costa basse in antichità controllate da fenici, punici, cartaginesi e infine romani, come le sue selvagge e impenetrabili foreste dell'entroterra.

La costa selvaggia dell'Igliesiente, punteggiata da isolotti e faraglioni, come il Pan di Zucchero (il piu' grande scoglio del Mediterraneo)…fino alle infinite spiagge e deserti di sabbia della Costa Verde (Dune di Piscinas, Patrimonio dell'Unesco).

Sullo sfondo il Monte Arcuentu, la montagna antica e sacra del Sud Ovest immersa nella sua valle incantata.

Le testimonianze di archeologia industriale e i resti dei villaggi minerari segnano profondamente e suggestivamente il paesaggio del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna: Montevecchio, La Laveria La Marmora, Porto Flavia, Ingurtosu, Naracauli, rimarranno indelebili nella nostra memoria. Per quanto l’industria mineraria sia stata molto invasiva e abbia profondamente lasciato il segno e plasmato quest’area geografica, la bellezza sconvolgente della natura che nel tempo resiste e si riappropria con forza dell’ambiente, le testimonianze antropiche come i villaggi nati e fondati da lavoratori, vi cattureranno e sconvolgeranno.

Un’intera giornata è dedicata all’area montuosa e forestale del Monte Linas, tra i paesi di Gonnosfanadiga e Villacidro: una deviazione al percorso un percorso ufficiale del Cammino Minerario di Santa Barbara ci permette di scollinare tra i prati pascoli panoramici circondati dalle montagne piu' alte del sud Sardegna, ricche di bellezza e storia. Termineremo la giornata a Sa Spendula, una delle piu’ belle e amate cascate dell'isola.

TREKKING IN SARDEGNA:

IL VIAGGIO

Una grande avventura ci aspetta nel Sud Ovest della Sardegna.

Non è semplice riunire in un viaggio tutto ciò che c'è di bello in questa vasta area della Sardegna, ma ho scelto per voi 2 itinerari lungo costa: la Strada Romana che collegava l'antica Bithia presso la Spiaggia di Chia a Capo Spartivento per sfiorare la punta piu' a sud della Sardegna, Capo Teulada; il percorso tracciato dai minatori tra il villaggio minerario di Nebida e il porto minerario di Cala Domestica, passando per Masua e Porto Flavia, lungo la costa selvaggia dell'Iglesiente punteggiata dai suoi faraglioni.

Nell'area del Guspinese il percorso (ad uso di minatori, pastori e boscaioli) che conduce dal boscoso entroterra di Montevecchio (uno dei piu' importanti centri minerari del sud) alle altissime dune della Spiaggia di Piscinas passando per i villaggi abbandonati (o quasi) di Ingurtosu e Naracaoli.

Per quanto la costa sia davvero mozzafiato ho scelto anche 2 tappe nell'entroterra, significative per capire sia l'ambiente che la storia locale: 1 itinerario nella Foresta is Cannoneris tra Sulcis e Campidano, le foreste dietro il mare e 1 nel complesso del Monte Linas, tra prati pascoli, torrenti e cascatelle.

In questo modo potremo avvicinarci, in cammino, all'essenza di questi luoghi, dove i paesi, le emergenze architettoniche e l'archeologia industriale appartenenti alla trascorsa era delle miniere hanno inciso profondamente sia il paesaggio che la cultura locale.

 

TREKKING IN SARDEGNA:

IL CAMMINO

Cammineremo con zaino giornaliero (trasporto bagagli) su percorsi tra i 10 e i 16 km circa, con pendenze complessive che vanno dai 200 ai 600 metri di dislivello, su fondi di calpestio spesso sconnesso, a tratti roccioso, sdrucciolevole o sabbioso. La difficoltà in generale è media, ma all’interno delle escursioni ci sono dei tratti che richiedono maggiore impegno, per la presenza di brevi ma ripide salite e discese, per l'avanzata sulla sabbia o intricata macchia mediterranea che poggia su roccia o terra. Nel complesso è consigliabile avere alla spalle precedenti esperienze escursionistiche in ambiente montano e roccioso e non è consigliato a chi soffre in maniera acuta di vertigini. In ogni caso non ci sono difficoltà tecniche (ovvero non è richiesta attrezzatura tecnica per l’avanzata se non l’aiuto dei bastoni) e affidatevi ai consigli della Guida per capire se è un viaggio adatto a voi. Oltre le escursioni a piedi ci sarà la possibilità di vistare il sito minerario di Porto Flavia.

In questo viaggio alla scoperta dell’Ovest avremo a disposizione un mezzo privato per il trasferimento da e per Cagliari all'inizio e alla fine del viaggio e brevi transfer con mezzo privato per avvicinarci ai percorsi e spostarci da un'area all’altra: la maggior parte delle strade sono tutte incredibilmente panoramiche, anche se spesso strette e non retilinee. 

 
 

TREKKING IN SARDEGNA:

MANGIARE DORMIRE

La Grande Avventura nella Sardegna dell'Ovest è un'esperienza che va gustata!

Il viaggio è itinerante, cioè ci sposteremo da una struttura all'altra ogni sera, tranne le prime 2 notti.

Ho cercato di dare la precedenza, dove la logistica me lo ha permesso, ad Agriturismi già Aziende a conduzione locale e per lo piu' familiare, dove avremo a disposizione colazioni, cene e pranzi al sacco preparati con prodotti locali e anche autoprodotti.

In alcuni casi ci riforniremo dei nostri pranzi al sacco presso piccole botteghe e mini market.

Le camere sono sempre doppie (matrimoniali e letti singoli) o triple. Se avete delle esigenze particolari, legati a motivi di salute per esempio, si può richiedere alla struttura la stanza singola, ma dipenderà sempre dalla disponibilità delle strutture e comporterà in ogni caso un vostro contributo extra da pagare in loco personalmente.

 

LA QUOTA COMPRENDE

COSTO 950 EURO A PERSONA

Comprende:

- Servizio di Guida Escursionistica e Turistica

- Servizio di Guida Escursionistica e Turistica

- Servizio di Segreteria ed iscrizione al viaggi

- Tutti i pernottamenti 

- 5 cene presso strutture di pernottamento o ristorante.

- 6 colazioni.

- 3 pranzi al sacco a testa

- Trasporto privato

- Trasporto bagagli

- Assicurazione medico-bagagli. Riceverete una specifica sulla assicurazione in seguito alla iscrizione I.V.A.

Non Comprende:


- Il volo da e per Cagliari

- Il volo da e per Cagliari, trasporto trenino dall'aeroporto di Elmas a Cagliari Stazione e bus in città

- 2 cene in ristorante (menu' 25/30 euro)

- 2 pranzi al sacco

- Gli extra durante le cene (anche quelle comprese nella quota partecipazione)

- Ticket ingresso Parchi, Musei, Miniere

- Mezzi pubblici e privati non compresi nel programma e non indicati alla voce "Comprende".

- Tutto quanto non espressamente indicato in “Comprende"

- Assicurazione per annullamento viaggio. Può essere stipulata al momento dell’iscrizione.

COPERTURA TECNICA

MAL D'AVVENTURA di Giuseppe Gaimari


MAL D'AVVENTURA è l’agenzia di Viaggio di Giuseppe Gaimari, specializzata in Viaggi Avventura e Trekking. Darà la copertura tecnica e si occuperà quindi della parte amministrativa del
viaggio.


Scali delle Ancore,9 – 57123 Livorno
P. I.01912530498
Aut. Prov.Licenza 1227

 

LA GUIDA

CARLA PAU

Faccio il lavoro di Guida Ambientale Escursionistica dal 2012 e quello di Guida Turistica dal 2018.

E' il lavoro che fa per me...perche' sono una di quelle persone che ha bisogno di una piccola tana calda piena di libri, luci soffuse, un po' di musica e buon vino per ricaricarsi...ma poi quando sta troppo ferma sente il bisogno di andare, di lasciare andare

Da bambina un giorno volevo fare la scrittrice, il giorno dopo l'avvocato, un altro giorno la giornalista. Da grande mi sarebbe piaciuto fare l'illustratrice, ma mentre mi occupavo dell'orto ho intrapreso la strada per diventare Guida. .

Sono una persona abbastanza empatica e istintiva, visionaria, romantica.

Sono tornata a vivere in Sardegna dopo 11 anni di Toscana, e questo mi rende enormemente felice, anche se la Toscana sarà sempre per me casa...ma questo è molto personale e ve lo racconterò una sera, in viaggio.

LINK UTILI

Sito ufficiale Turismo in Sardegna: https://www.sardegnaturismo.it

TREKKILANDIA

VIAGGIATORI PER PASSIONE, GUIDE PER PROFESSIONE, ALLEGRI PER NATURA.

Trekkilandia è una rete di 9 guide indipendenti che organizzano Tour Naturalistici, Viaggi a Piedi e Viaggi Trekking in Italia e nel Mondo

TUTTI I NOSTRI VIAGGI SONO REGOLARMENTE COPERTI DA AGENZIA VIAGGI/TOUR OPERATOR DA

MALD'AVVENTURA di GIUSEPPE GAIMARI 

Licenza 1227
P.I.V.A 01912530498
Rc Professionale Allianz
Polizza n: 500598394

NATURATOUR T.O. di FRANCESCA ULUHOGIAN
Numero REA: PI - 197416
Licenza n. 11901 del 19/09/2018
Indirizzo Sede: Via Cristoforo Colombo, 6 - 56010 - Vicopisano - PI
Indirizzo PEC: francesca.uluhogian@pec.it
e-mail: info@naturatour.it
P.iva: 02213790344

PER INFORMAZIONI

trekkilandia@gmail.com