Puerto Natales, Patagonia – Come si Finisce a Vivere alla Fine del Mondo

Marco, una delle nostre due guide expat di Trekkilandia, ci parla di come ha scoperto e del perché ha deciso di stabilirsi nella cittadina di Puerto Natales, Patagonia cilena, nella quale risiede stabilmente da oramai cinque anni e che utilizza sia come base per i trekking all’interno del parco nazionale Torres del Paine e nel resto della Patagonia argentina, sia per i viaggi a piedi che organizza in Perù durante l’inverno australe.

Ci racconti quando e come hai conosciuto questa terra estrema di cui ti sei innamorato?

Ricordo ancora quel giorno come se fosse ieri; era il 27 settembre 2013, la primavera stava sbocciando in Patagonia ed io provenivo da quasi un anno di viaggio zaino in spalla che iniziai novembre 2012 dal Messico e che mi portò ad attraversare e conoscere la maggior parte dei paesi centro americani. Raggiunsi Santiago e successivamente Valparaiso in cui mi fermai a visitare un carissimo amico, Nicolas, che conobbi ad Amburgo durante la mia esperienza Erasmus. Assieme a lui e alla sua gentilissima famiglia passai un paio di settimane, ero curioso di conoscere il loro paese ma anche un po’ stanco di girovagare senza una meta e avevo voglia di ritornare ad una sorta di routine quotidiana. Ricordo che nella libreria di casa c’era un bellissimo volume che parlava di un parco nella lontana Patagonia cilena, Torres del Paine, che ignoravo, e di quando in quando lo sfogliavo trovandoci immagini meravigliose.

Poi un giorno parlando con Nico, mi disse che poteva passarmi dei contatti per cercare lavoro all’interno del parco; così fece, inviai varie e-mail con il mio curriculum e dopo meno di una settimana avevo già un paio di risposte. La stagione turistica era alle porte e alcuni hotel e rifugi cercavano personale per iniziare a lavorare a fine settembre. Eccola lì, quella era la mia occasione. Sicché senza pensarci due volte, ringraziai la famiglia Muller per l’ospitalità e presi un biglietto di sola andata Santiago – Punta Arenas, 2600km di autubus attraversando le Ande, entrando in Argentina per poi uscirne e raggiungere la città di Punta Arenas, nel cuore della regione di Magallanes. Cercai un ostello e all’indomani mi recai al mio primo colloquio, ero nervoso, vestito da viaggiatore, biascicando un cileno (in Cile si usa uno slang molto diverso dallo spagnolo “castellano”) ancora alle prime armi, tuttavia, la buona sorte mi dette un’opportunità e così…baam, mi ritrovai in un altro bus diretto a Puerto Natales e successivamente a Torres del Paine.

La giornata era splendida, da decine di kilometri si vedeva il massiccio del Paine avvicinarsi sempre più; i laghi turchesi, i guanacos, le torri, i cuernos…e poi l’Hosteria Pehoe, un piccolo albergo situato su un’isoletta all’interno dell’omonimo lago. La vista da lì era spaventosa, e decisi subito che per otto mesi quella poteva essere la mia nuova “casa”.

Che meraviglia, sicché ti sei messo subito a lavorare come guida nel parco?

No, no, tutt’altro. In quel momento, all’hosteria Pehoe avevano bisogno di camerieri; io me la cavavo, sapevo l’inglese e così mi adattai a quello che mi offrirono; pur di star lì avrei fatto di tutto!!! Iniziai a lavorare quindi nel ristorante, e dopo un paio di settimane mi fecero il contratto stagionale con il quale potei far richiesta del visto lavorativo per vivere e lavorare regolarmente nel paese. Dopo circa un mese e mezzo mi offrirono un posto in reception, sempre per via del mio inglese; accettai, giusto per imparare qualcosa di nuovo, sebbene lo stare al chiuso mi opprimesse. Fuori c’erano degli spazi immensi, montagne, vento, laghi, boschi…insomma era una terra che aspettava solamente di essere camminata.

Lavoravamo con turni di 11/4, per cui dopo undici giorni continui avevi a disposizione quattro giorni liberi per andare dove volevi; tornare a Puerto Natales, tra la civiltà, o rimanere a camminare nel parco. Io avevo la tenda e lo zaino per cui ne approfittai.

Prima di Natale ci fu l’opportunità di spostarsi in manutenzione, ovvero a respirare aria fresca; presi l’occasione e fu la scelta migliore per me. Manutenzione significava un po’ di tutto, star fuori in giardino a potare la siepe o tagliare l’erba, raccogliere la spazzatura che ogni 3/4 giorni veniva caricata in un furgone per essere trasportata in paese, mantenere il funzionamento del sistema di depurazione delle acque nere, eseguire la manutenzione ordinaria e straordinarie delle caldaie e del sistema di riscaldamento dell’albergo, sistemare il magazzino e le celle frigorifere quando arrivavano le provviste, portar dentro e fuori i bagagli degli ospiti…insomma, un tuttofare senza orario di inizio o fine giornata…ma ragazzi, mentre giravi come una trottola bastava alzare gli occhi e le montagne erano lì!!

Quella mia prima stagione rimasi fino a fine aprile, poi dopo Pasqua, l’albergo chiudeva i battenti con l’arrivo dell’inverno ed io avevo messo da parte abbastanza quattrini per permettermi di ritornare sulla strada. Da sud a nord viaggiai dapprima verso l’isola di Navarino, poi risalii lungo la Ruta 40 in Argentina rientrando in Cile fino al deserto di atacama, successivamente arrivarono le montagne del Perù ed infine l’Ecuador dove, dopo aver visitato un carissimo amico a Guayaquil, decisi di finire il mio viaggio con il botto: le isole Galapagos!

Game over e si rientra a Padova.

Quindi dopo quasi due anni di viaggio nel cuore dell’America Latina hai deciso di rientrare in patria?

Ebbene sì, mi mancavano la famiglia e gli amici e ritenevo oramai completato il mio percorso, sebbene comunque un seme era già stato piantato e non ci mise poco a germinare. Feci ritorno ad inizio ottobre e dopo meno di tre settimane riuscii a rientrare nei binari; un’azienda di Padova, mi fece un contratto a tempo determinato di un anno come ingegnere junior all’interno del loro ufficio tecnico. Si progettavano e costruivano attrezzature per la robotica e l’assemblaggio di connettori elettrici ed elettronici del settore automobilistico. L’ambiente era interessante, stimolante, con colleghi di lavoro splendidi e buone prospettive di crescita, però capisci bene che passare dalle distese sconfinate della Patagonia e dei suoi ghiacciai alla ZAP (Zona Industriale di Padova) era tutta un’altra cosa.

Le immagini, i ricordi e le emozioni del Paine facevano ritorno nella mia mente, sempre di più e con maggiore preponderanza. Lasciai passare i dodici mesi di contratto dopodiché presi la decisione di tornare nell’emisfero sud, questa volta con un progetto più dettagliato e concreto, nonché nuove idee più chiare per iniziare una nuova vita nella terra di Sepulveda e Coloane.

E’ durante questa nuova fase in cui sei entrato a fare parte di Trekkilandia?

Esattamente! Tornare in Patagonia fu “facile”, già conoscevo l’ambiente, sapevo come muovervi, come ottenere il permesso di lavoro, dove andare e cosa volevo fare. Avevo intenzione di trasformarmi in una guida turistica e di trekking per poter lavorare a Torres del Paine e nel resto del paese. Mi presi la briga di iniziare da zero, feci i corsi per prendere il riconoscimento di guida escursionistica (l’equivalente G.A.E. in Italia) ed iniziai a lavorare per un hotel situato a Puerto Natales, The Singular Patagonia, dove passai due stagioni bellissime ed intense; imparai ad andare a cavallo, in kayak, a navigare con gli zodiac ed ovviamente potei dar sfogo alle mie passioni all’aria aperta.

Ovviamente non volevo perdere il contatto con l’Italia e di volta in volta mi dedicavo ad accompagnare gruppi di camminatori italiani; fu in una di queste occasioni che conobbi prima Marco, proprietario dell’agenzia Naturaviaggi, e poi Luca. Dopo un paio di incontri e di viaggi nel Paine passati insieme, Luca mi propose di iniziare a collaborare con questa combriccola professionisti del cammino che è Trekkilandia ed eccomi qui!

Com’è vivere a Puerto Natales, lontani ed isolati dal resto del paese e del mondo, anche alla luce dei recenti fatti legati all’espansione del Covid-19?

Ebbene, Puerto Natales è una cittadina piccola, conta poco più di ventimila abitanti. E’ un paese a cavallo tra i fiordi e le montagne, dove la gente vive di pesca, allevamento di bovini ed ovini e del turismo. Qui dove viviamo si produce ben poco per la sostenibilità della popolazione; in Patagonia non crescono ortaggi, cereali o frutta e di conseguenza la maggior parte dei prodotti di consumo alimentare devono essere importati dal resto del Cile. Come? Via terra, attraverso l’Argentina, o via mare e chiaramente la chiusura delle frontiere dovuta alla recente crisi sanitaria legata al Covid-19 ci ha tagliato un poco fuori. L’importazione di questi prodotti rende di conseguenza la vita da queste parti molto costosa, il Cile già di suo è un paese caro che viaggia su costi della vita simili a quelli italiani, motivo per cui la Patagonia diventa ancora più cara e chi l’ha potuta conoscere e visitare lo saprà bene.

Dall’altro lato il nostro isolamento ha permesso al virus di rimanere lontano, a Puerto Natales si sono contati finora poco meno di 10 casi positivi e nessun deceduto. Il Cile non è mai entrato in lockdown totale anche se nel momento in cui le frontiere sono state definitivamente chiuse a metà marzo, i servizi turistici hanno dovuto chiudere i battenti e per noi c’è stato un arresto anticipato della stagione che altrimenti sarebbe durata ancora per un mese e mezzo. Ci riteniamo comunque fortunati di poter godere di un poca di libertà nel poterci spostare ed andare a fare qualche trekking qui in zona, dopotutto l’autunno da queste parti è il momento migliore per ammirare i boschi cambiare il loro colore. Negli scorsi weekend siamo usciti spesso assieme a mia moglie a camminare e ne abbiamo approfittato per percorrere sentieri poco battuti che con i turisti non frequentiamo, il Cerro Castillo o il Cerro Mocho sono montagne spettacolari; dal livello del mare sali su dritto a 1500m, poi ti guardi indietro e vedi il fiordo, i laghi ed i ghiacciai. Perlopiù durante l’autunno e l’inverno il vento diminuisce la sua intensità e le giornate sono terse anche se fredde.

Per qualsiasi domanda, suggerimento, curiosità e storie sulla Patagonia Marco sarà felice di rispondervi attraverso la sua e-mail:

marco_rosso86@libero.it o dal suo numero +56 9780 12414

Mentre tutte le informazioni dettagliate sui programmi, i costi e la logistica dei viaggi in Patagonia e in Cile li trovate nei seguenti link:

Viaggio Trekking in Patagonia: https://www.trekkilandia.it/viaggi/viaggio-overland-in-patagonia

Trekking Circuito Paine: https://www.trekkilandia.it/viaggi/trekking-in-patagonia-circuito-o

Trekking Isola Navarino: https://www.trekkilandia.it/viaggi/trekking-patagonia-isola-navarino

Deserto di Atacama Overland: https://www.trekkilandia.it/viaggi/overland-deserto-atacama

SCOPRI I NOSTRI VIAGGI IN PATAGONIA

ALTRI ARTICOLI DAL NOSTRO BLOG

Marco, una delle nostre due guide expat di Trekkilandia, ci parla di come ha scoperto e del perché ha deciso di stabilirsi nella cittadina di Puerto Natales, Patagonia cilena, nella quale risiede stabilmente da oramai cinque anni e che utilizza sia come base per i trekking all’interno del parco nazionale Torres del Paine e nel resto della Patagonia argentina, sia per i viaggi a piedi che organizza in Perù durante l’inverno australe.

Ci racconti quando e come hai conosciuto questa terra estrema di cui ti sei innamorato?

Ricordo ancora quel giorno come se fosse ieri; era il 27 settembre 2013, la primavera stava sbocciando in Patagonia ed io provenivo da quasi un anno di viaggio zaino in spalla che iniziai novembre 2012 dal Messico e che mi portò ad attraversare e conoscere la maggior parte dei paesi centro americani. Raggiunsi Santiago e successivamente Valparaiso in cui mi fermai a visitare un carissimo amico, Nicolas, che conobbi ad Amburgo durante la mia esperienza Erasmus. Assieme a lui e alla sua gentilissima famiglia passai un paio di settimane, ero curioso di conoscere il loro paese ma anche un po’ stanco di girovagare senza una meta e avevo voglia di ritornare ad una sorta di routine quotidiana. Ricordo che nella libreria di casa c’era un bellissimo volume che parlava di un parco nella lontana Patagonia cilena, Torres del Paine, che ignoravo, e di quando in quando lo sfogliavo trovandoci immagini meravigliose.

Poi un giorno parlando con Nico, mi disse che poteva passarmi dei contatti per cercare lavoro all’interno del parco; così fece, inviai varie e-mail con il mio curriculum e dopo meno di una settimana avevo già un paio di risposte. La stagione turistica era alle porte e alcuni hotel e rifugi cercavano personale per iniziare a lavorare a fine settembre. Eccola lì, quella era la mia occasione. Sicché senza pensarci due volte, ringraziai la famiglia Muller per l’ospitalità e presi un biglietto di sola andata Santiago – Punta Arenas, 2600km di autubus attraversando le Ande, entrando in Argentina per poi uscirne e raggiungere la città di Punta Arenas, nel cuore della regione di Magallanes. Cercai un ostello e all’indomani mi recai al mio primo colloquio, ero nervoso, vestito da viaggiatore, biascicando un cileno (in Cile si usa uno slang molto diverso dallo spagnolo “castellano”) ancora alle prime armi, tuttavia, la buona sorte mi dette un’opportunità e così…baam, mi ritrovai in un altro bus diretto a Puerto Natales e successivamente a Torres del Paine.

La giornata era splendida, da decine di kilometri si vedeva il massiccio del Paine avvicinarsi sempre più; i laghi turchesi, i guanacos, le torri, i cuernos…e poi l’Hosteria Pehoe, un piccolo albergo situato su un’isoletta all’interno dell’omonimo lago. La vista da lì era spaventosa, e decisi subito che per otto mesi quella poteva essere la mia nuova “casa”.

SCOPRI IL NOSTRO VIAGGIO TREKKING IN PATAGONIA

Che meraviglia, sicché ti sei messo subito a lavorare come guida nel parco?

No, no, tutt’altro. In quel momento, all’hosteria Pehoe avevano bisogno di camerieri; io me la cavavo, sapevo l’inglese e così mi adattai a quello che mi offrirono; pur di star lì avrei fatto di tutto!!! Iniziai a lavorare quindi nel ristorante, e dopo un paio di settimane mi fecero il contratto stagionale con il quale potei far richiesta del visto lavorativo per vivere e lavorare regolarmente nel paese. Dopo circa un mese e mezzo mi offrirono un posto in reception, sempre per via del mio inglese; accettai, giusto per imparare qualcosa di nuovo, sebbene lo stare al chiuso mi opprimesse. Fuori c’erano degli spazi immensi, montagne, vento, laghi, boschi…insomma era una terra che aspettava solamente di essere camminata.

Lavoravamo con turni di 11/4, per cui dopo undici giorni continui avevi a disposizione quattro giorni liberi per andare dove volevi; tornare a Puerto Natales, tra la civiltà, o rimanere a camminare nel parco. Io avevo la tenda e lo zaino per cui ne approfittai.

Prima di Natale ci fu l’opportunità di spostarsi in manutenzione, ovvero a respirare aria fresca; presi l’occasione e fu la scelta migliore per me. Manutenzione significava un po’ di tutto, star fuori in giardino a potare la siepe o tagliare l’erba, raccogliere la spazzatura che ogni 3/4 giorni veniva caricata in un furgone per essere trasportata in paese, mantenere il funzionamento del sistema di depurazione delle acque nere, eseguire la manutenzione ordinaria e straordinarie delle caldaie e del sistema di riscaldamento dell’albergo, sistemare il magazzino e le celle frigorifere quando arrivavano le provviste, portar dentro e fuori i bagagli degli ospiti…insomma, un tuttofare senza orario di inizio o fine giornata…ma ragazzi, mentre giravi come una trottola bastava alzare gli occhi e le montagne erano lì!!

Quella mia prima stagione rimasi fino a fine aprile, poi dopo Pasqua, l’albergo chiudeva i battenti con l’arrivo dell’inverno ed io avevo messo da parte abbastanza quattrini per permettermi di ritornare sulla strada. Da sud a nord viaggiai dapprima verso l’isola di Navarino, poi risalii lungo la Ruta 40 in Argentina rientrando in Cile fino al deserto di atacama, successivamente arrivarono le montagne del Perù ed infine l’Ecuador dove, dopo aver visitato un carissimo amico a Guayaquil, decisi di finire il mio viaggio con il botto: le isole Galapagos!

Game over e si rientra a Padova.

SCOPRI IL NOSTRO VIAGGIO OVERLAND IN PATAGONIA

Quindi dopo quasi due anni di viaggio nel cuore dell’America Latina hai deciso di rientrare in patria?

Ebbene sì, mi mancavano la famiglia e gli amici e ritenevo oramai completato il mio percorso, sebbene comunque un seme era già stato piantato e non ci mise poco a germinare. Feci ritorno ad inizio ottobre e dopo meno di tre settimane riuscii a rientrare nei binari; un’azienda di Padova, mi fece un contratto a tempo determinato di un anno come ingegnere junior all’interno del loro ufficio tecnico. Si progettavano e costruivano attrezzature per la robotica e l’assemblaggio di connettori elettrici ed elettronici del settore automobilistico. L’ambiente era interessante, stimolante, con colleghi di lavoro splendidi e buone prospettive di crescita, però capisci bene che passare dalle distese sconfinate della Patagonia e dei suoi ghiacciai alla ZAP (Zona Industriale di Padova) era tutta un’altra cosa.

Le immagini, i ricordi e le emozioni del Paine facevano ritorno nella mia mente, sempre di più e con maggiore preponderanza. Lasciai passare i dodici mesi di contratto dopodiché presi la decisione di tornare nell’emisfero sud, questa volta con un progetto più dettagliato e concreto, nonché nuove idee più chiare per iniziare una nuova vita nella terra di Sepulveda e Coloane.

E’ durante questa nuova fase in cui sei entrato a fare parte di Trekkilandia?

Esattamente! Tornare in Patagonia fu “facile”, già conoscevo l’ambiente, sapevo come muovervi, come ottenere il permesso di lavoro, dove andare e cosa volevo fare. Avevo intenzione di trasformarmi in una guida turistica e di trekking per poter lavorare a Torres del Paine e nel resto del paese. Mi presi la briga di iniziare da zero, feci i corsi per prendere il riconoscimento di guida escursionistica (l’equivalente G.A.E. in Italia) ed iniziai a lavorare per un hotel situato a Puerto Natales, The Singular Patagonia, dove passai due stagioni bellissime ed intense; imparai ad andare a cavallo, in kayak, a navigare con gli zodiac ed ovviamente potei dar sfogo alle mie passioni all’aria aperta.

Ovviamente non volevo perdere il contatto con l’Italia e di volta in volta mi dedicavo ad accompagnare gruppi di camminatori italiani; fu in una di queste occasioni che conobbi prima Marco, proprietario dell’agenzia Naturaviaggi, e poi Luca. Dopo un paio di incontri e di viaggi nel Paine passati insieme, Luca mi propose di iniziare a collaborare con questa combriccola professionisti del cammino che è Trekkilandia ed eccomi qui!

SCOPRI IL NOSTRO TREKKING TORRES DEL PAINE

Com’è vivere a Puerto Natales, lontani ed isolati dal resto del paese e del mondo, anche alla luce dei recenti fatti legati all’espansione del Covid-19?

Ebbene, Puerto Natales è una cittadina piccola, conta poco più di ventimila abitanti. E’ un paese a cavallo tra i fiordi e le montagne, dove la gente vive di pesca, allevamento di bovini ed ovini e del turismo. Qui dove viviamo si produce ben poco per la sostenibilità della popolazione; in Patagonia non crescono ortaggi, cereali o frutta e di conseguenza la maggior parte dei prodotti di consumo alimentare devono essere importati dal resto del Cile. Come? Via terra, attraverso l’Argentina, o via mare e chiaramente la chiusura delle frontiere dovuta alla recente crisi sanitaria legata al Covid-19 ci ha tagliato un poco fuori. L’importazione di questi prodotti rende di conseguenza la vita da queste parti molto costosa, il Cile già di suo è un paese caro che viaggia su costi della vita simili a quelli italiani, motivo per cui la Patagonia diventa ancora più cara e chi l’ha potuta conoscere e visitare lo saprà bene.

Dall’altro lato il nostro isolamento ha permesso al virus di rimanere lontano, a Puerto Natales si sono contati finora poco meno di 10 casi positivi e nessun deceduto. Il Cile non è mai entrato in lockdown totale anche se nel momento in cui le frontiere sono state definitivamente chiuse a metà marzo, i servizi turistici hanno dovuto chiudere i battenti e per noi c’è stato un arresto anticipato della stagione che altrimenti sarebbe durata ancora per un mese e mezzo. Ci riteniamo comunque fortunati di poter godere di un poca di libertà nel poterci spostare ed andare a fare qualche trekking qui in zona, dopotutto l’autunno da queste parti è il momento migliore per ammirare i boschi cambiare il loro colore. Negli scorsi weekend siamo usciti spesso assieme a mia moglie a camminare e ne abbiamo approfittato per percorrere sentieri poco battuti che con i turisti non frequentiamo, il Cerro Castillo o il Cerro Mocho sono montagne spettacolari; dal livello del mare sali su dritto a 1500m, poi ti guardi indietro e vedi il fiordo, i laghi ed i ghiacciai. Perlopiù durante l’autunno e l’inverno il vento diminuisce la sua intensità e le giornate sono terse anche se fredde.

Per qualsiasi domanda, suggerimento, curiosità e storie sulla Patagonia Marco sarà felice di rispondervi attraverso la sua e-mail:

marco_rosso86@libero.it o dal suo numero +56 9780 12414

Mentre tutte le informazioni dettagliate sui programmi, i costi e la logistica dei viaggi in Patagonia e in Cile li trovate nei seguenti link:

Viaggio Trekking in Patagonia: https://www.trekkilandia.it/viaggi/viaggio-overland-in-patagonia

Trekking Circuito Paine: https://www.trekkilandia.it/viaggi/trekking-in-patagonia-circuito-o

Trekking Isola Navarino: https://www.trekkilandia.it/viaggi/trekking-patagonia-isola-navarino

Deserto di Atacama Overland: https://www.trekkilandia.it/viaggi/overland-deserto-atacama

PROSSIMI VIAGGI IN PARTENZA

10 POSTI DISPONIBILI
From €750
In questo viaggio siamo sempre circondati da paesaggi naturali meravigliosi e segni della storia lasciati dall'uomo. Durante il cammino, lasciata l'affascinante città di Biella, cammineremo sempre immersi nella natura, incontrando borghi caratteristici, santuari secolari e rifugi di montagna unici. Il paesaggio sempre diverso, mai noioso, dalla collina all'alta montagna, camminando in territori con storie secolari di passaggi e sfruttamento da parte dell'uomo di ogni epoca. Questo cammino ripercorre la via della libertà che percorsero in tanti dopo l'otto settembre del 1943, attraversando le Alpi per raggiungere la libertà, in Svizzera.
7gg - Dal 20/07 -2024 al 26/07 - 2024
Piemonte
10 posti disp
Diletta
CONFERMATO - 1 POSTI DISP
From €1450
A nord del circolo polare artico, sulle Isole Lofoten, dove il mare ha i colori dei Caraibi e il buio della notte non cala mai, camminiamo sulle rocce che sono tra le più antiche del mondo. Seguiremo inoltre le storie delle leggendarie imprese di navigatori greci che, sfidando le colonne d’Ercole, si sono spinti fino a queste latitudini, cercheremo i Troll e saremo affascinati dalla mitologia norrena. Arriviamo alle Lofoten con un avvicinamento lento, con il classico postale “Hurtigruten” sul quale potremo fare anche la sauna e bagni cadi. Ci sposteremo di paese in paese dormendo nei classici rorbu, le tipiche abitazioni in legno dei pescatori, oggi ristrutturati totalmente o in parte per ospitare i viaggiatori.
10gg - Dal 21/07 al 30/07 - 2024
Isole Lofoten
1 POSTI DISP
Giulio Cuccioli
15 POSTI DISPONIBILI
From €IN VIA DI DEFINIZIONE
Almeno una volta nella vita non si può non visitare La Costiera Amalfitana, perchè è un luogo da vivere, non solo da raccontare! Tra Salerno e Punta Campanella è una ghirlanda ininterrotta di perle e di splendore. La Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana si annodano tra loro come amanti e spesso non si sa dove comincia l'una e finisce l'altra… Un viaggio sospeso tra mare e cielo che regala ad ogni passo, spettacoli indimenticabili. E mentre ci allontaniamo da questa costa, porteremo con noi non solo le immagini mozzafiato dei panorami costieri e il profumo avvolgente degli agrumi, ma anche il calore delle persone incontrate lungo il cammino e la storia millenaria di questa terra di antica bellezza, affacciata sul meraviglioso mare di Partenope.
8gg - Dal 12 al 19/10/ 2024
Campania
15 posti disp
Elisabetta Stella
CONFERMATO
From €850€
Se siete alla ricerca di una vacanza indimenticabile in mezzo alla natura, tra i monti pallidi delle Dolomiti, questo trekking nel Parco Naturale dell’Adamello Brenta vi aspetta con i suoi panorami incredibili che lasciano senza fiato. Attraverseremo ambienti diversi percorrendo sentieri immersi nella natura, avvolti dai profumi intensi dei boschi di larici e abeti. Ammireremo i giochi d'acqua spettacolari delle cascate, dei laghi alpini dai colori intensi e dei torrenti che scorrono impetuosi tra le rocce. E mentre alzeremo lo sguardo, ci troveremo circondati dalle maestose guglie e torrioni verticali delle Dolomiti, che ci faranno sentire parte di qualcosa di più grande e immenso…
7gg - Dal 20 al 26/07/ 2024
Trentino
11 POSTI DISPONIBILI
Elisabetta Stella
Al COMPLETO
From €900
Sulle orme di Camille, l'ultimo orso dei Pirenei. Un affascinante trekking da rifugio a rifugio sui sentieri dei Pirenei Occidentali, tra la Spagna e la Francia.
Dal 20/07 al 27/07 - 2024
Spagna
Fabio
COMPLETO
From €880
Dalla Val Pusteria al Cadore alla Valle del Piave, attraversando massicci dai nomi noti a zone particolarmente selvagge. In questi luoghi capita di camminare per ore accompagnati dai branchi di camosci che ti osservano dall'alto delle cenge. E' un variare continuo del paesaggio, un passaggio dal verde ridente dei pascoli al bianco grigio rosa della dolomia, su cui albe e tramonti stendono una tavolozza di sfumature calde infinite. Chi è stato “dentro” un tramonto tra le pareti imponenti della Croda Rossa, sotto le roccaforti del Sorapis, che si stagliano come un ricamo sul cielo indaco, non lo dimentica più. Cammineremo tra le vestigia della Grande Guerra e scopriremo il fascino più segreto e nascosto di queste montagne, il loro lato meno accessibile, appartato, lontano dai flussi turistici: quello in cui il fragile e delicato equilibrio dell'ambiente dolomitico non è ancora ferito dai rumori e dal cemento.
Dal 21/07 al 29/07/2024
Dolomiti
COMPLETO
Maurizio
CONFERMATO 08 POSTI DISPONIBILI
From €2700 con volo incluso partenza da Roma o Milano
Il trekking in Georgia è un'avventura irripetibile nel cuore profondo delle montagne del Caucaso fra i 2.000 e i 3.500 metri, al confine con il Daghestan e la Cecenia, nelle regioni di Tusheti e Khevsureti, considerate le più belle e selvagge di tutta la Georgia. Queste regioni sono di quanto più bello e selvaggio si possa trovare nel Caucaso. Il Tusheti è considerata una delle zone più belle dell'intera Georgia. Situata nel nord-est del paese, il Tusheti confina con il Dagestan e la Cecenia. Sono le alte montagne ad essere indiscusse protagoniste, infatti le altitudini sono comprese tra i 1650 e i 4493 metri con gole ripidissime che danno vita a panorami spettacolari. La regione del Khevsureti si trova a nord anch' essa al confine con la Cecenia. Con meno di 3.000 abitanti, è probabilmente la regione più inaccessibile e misteriosa della Georgia. Si crede che sia abitata dai discendenti dei guerrieri crociati ed è solcata da valli con pareti ripidissime "sorvegliate" da antiche fortezze.
10gg - Dal 01/08 al 10/08 - 2024
Georgia
CONFERMATO 08 POSTI DISPONIBILI
Giuseppe
CONFERMATO
From €2360 entro il 29/02/2024
Un viaggio in un paese bellissimo tra l'altopiano del Pamir e la catena montuosa del Tien Shan, ancora non raggiunto dal turismo di massa. Tre trekking in 3 aree diverse del paese per assaporare la diversità degli ambienti di questa vasta regione in cui vivono persone molto accoglienti e gentili
14gg - Dal 02/08 al 15/08 2024
Kirghizistan
4
Luca
Al COMPLETO
From €930
Il Cammino dei fari è un percorso di 200 km circa che unisce Malpica a capo Finisterre in Galizia all’ovest della penisola Iberica in Spagna. Un infinitá di paesaggi, diversi, sempre con il mare, l’oceano atlantico a fare da protagonista. Fari, spiagge, dune, fiumi, scogliere, foreste, estuari con una biodiversita unica, formazioni granitiche bizzarre, fortificazioni celtiche, dolmen, villaggi di pescatori, punti panoramici sul mare dove le onde si infrango in tutti i modi possibili. E gli splendidi tramonti ...tutto questo è il cammino dei fari. Un percorso come pochi altri, che porterà il viaggiatore in un mondo di sensazioni uniche che possono essere godute solo su questa magica Costa da Morte.
10gg - Dal 02/08 al 11/08 - 2024
Spagna
Fabio
CONFERMATO
From €740
In questo viaggio alpino negli alti pascoli del Devero, incontreremo panorami d’ampio respiro, circondati da maestose cime che si specchiano in laghi alpini dalle acque cristalline. Boschi di larici, abeti e rododendri attendono il nostro passaggio. Mentre sentieri antichi, ricchi di storia e segnati dal tempo, ci condurranno attraverso pascoli verdi punteggiati di fiori e profumi di erbe alpine, narrandoci la storia dei Walser e del loro pregiato formaggio Bettelmat. In questi ambienti la mano dell’uomo c’è ma non disturba, sul filo di un equilibrio rimasto immutato nel tempo, rispettoso della natura, nel duro lavoro degli alpeggi. Il silenzio sarà nostro amico e compagno prezioso di viaggio che ci regalerà la possibilità di sincronizzarci con il ritmo dei passi e della natura.
6gg - Dal 03/08 -2024 al 08/08 - 2024
Piemonte
10 posti disp
Elisabetta Stella

PROSSIMI VIAGGI IN PARTENZA

This is the color: This is the color: #1D8506This is the color: This is the color: #1D8506This is the color: #D37511 This is the color: #D37511This is the color: #1D8506This is the color: #1D8506This is the color: #D37511This is the color: #1D8506
Trail to freedom-in cammino verso la libertà
10 POSTI DISPONIBILI
From€750
Trail to freedom-in cammino verso la libertà
In questo viaggio siamo sempre circondati da paesaggi naturali meravigliosi e segni della storia lasciati dall'uomo. Durante il cammino, lasciata l'affascinante città di Biella, cammineremo sempre immersi nella natura, incontrando borghi caratteristici, santuari secolari e rifugi di montagna unici. Il paesaggio sempre diverso, mai noioso, dalla collina all'alta montagna, camminando in territori con storie secolari di passaggi e sfruttamento da parte dell'uomo di ogni epoca. Questo cammino ripercorre la via della libertà che percorsero in tanti dopo l'otto settembre del 1943, attraversando le Alpi per raggiungere la libertà, in Svizzera.
Trail to freedom-in cammino verso la libertà
Trekking alle Isole Lofoten in Norvegia
CONFERMATO - 1 POSTI DISP
From€1450
Trekking alle Isole Lofoten in Norvegia
A nord del circolo polare artico, sulle Isole Lofoten, dove il mare ha i colori dei Caraibi e il buio della notte non cala mai, camminiamo sulle rocce che sono tra le più antiche del mondo. Seguiremo inoltre le storie delle leggendarie imprese di navigatori greci che, sfidando le colonne d’Ercole, si sono spinti fino a queste latitudini, cercheremo i Troll e saremo affascinati dalla mitologia norrena. Arriviamo alle Lofoten con un avvicinamento lento, con il classico postale “Hurtigruten” sul quale potremo fare anche la sauna e bagni cadi. Ci sposteremo di paese in paese dormendo nei classici rorbu, le tipiche abitazioni in legno dei pescatori, oggi ristrutturati totalmente o in parte per ospitare i viaggiatori.
Trekking alle Isole Lofoten in Norvegia
Trekking in Costiera Amalfitana
15 POSTI DISPONIBILI
From€IN VIA DI DEFINIZIONE
Trekking in Costiera Amalfitana
Almeno una volta nella vita non si può non visitare La Costiera Amalfitana, perchè è un luogo da vivere, non solo da raccontare! Tra Salerno e Punta Campanella è una ghirlanda ininterrotta di perle e di splendore. La Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana si annodano tra loro come amanti e spesso non si sa dove comincia l'una e finisce l'altra… Un viaggio sospeso tra mare e cielo che regala ad ogni passo, spettacoli indimenticabili. E mentre ci allontaniamo da questa costa, porteremo con noi non solo le immagini mozzafiato dei panorami costieri e il profumo avvolgente degli agrumi, ma anche il calore delle persone incontrate lungo il cammino e la storia millenaria di questa terra di antica bellezza, affacciata sul meraviglioso mare di Partenope.
Trekking in Costiera Amalfitana
Tra cascate e laghi nel Parco Naturale Adamello Brenta
CONFERMATO
From€850€
Tra cascate e laghi nel Parco Naturale Adamello Brenta
Se siete alla ricerca di una vacanza indimenticabile in mezzo alla natura, tra i monti pallidi delle Dolomiti, questo trekking nel Parco Naturale dell’Adamello Brenta vi aspetta con i suoi panorami incredibili che lasciano senza fiato. Attraverseremo ambienti diversi percorrendo sentieri immersi nella natura, avvolti dai profumi intensi dei boschi di larici e abeti. Ammireremo i giochi d'acqua spettacolari delle cascate, dei laghi alpini dai colori intensi e dei torrenti che scorrono impetuosi tra le rocce. E mentre alzeremo lo sguardo, ci troveremo circondati dalle maestose guglie e torrioni verticali delle Dolomiti, che ci faranno sentire parte di qualcosa di più grande e immenso…
Tra cascate e laghi nel Parco Naturale Adamello Brenta
Trekking sui Pirenei
Al COMPLETO
From€900
Trekking sui Pirenei
Sulle orme di Camille, l'ultimo orso dei Pirenei. Un affascinante trekking da rifugio a rifugio sui sentieri dei Pirenei Occidentali, tra la Spagna e la Francia.
Trekking sui Pirenei
Trekking Alta Via 3 Dolomiti
COMPLETO
From€880
Trekking Alta Via 3 Dolomiti
Dalla Val Pusteria al Cadore alla Valle del Piave, attraversando massicci dai nomi noti a zone particolarmente selvagge. In questi luoghi capita di camminare per ore accompagnati dai branchi di camosci che ti osservano dall'alto delle cenge. E' un variare continuo del paesaggio, un passaggio dal verde ridente dei pascoli al bianco grigio rosa della dolomia, su cui albe e tramonti stendono una tavolozza di sfumature calde infinite. Chi è stato “dentro” un tramonto tra le pareti imponenti della Croda Rossa, sotto le roccaforti del Sorapis, che si stagliano come un ricamo sul cielo indaco, non lo dimentica più. Cammineremo tra le vestigia della Grande Guerra e scopriremo il fascino più segreto e nascosto di queste montagne, il loro lato meno accessibile, appartato, lontano dai flussi turistici: quello in cui il fragile e delicato equilibrio dell'ambiente dolomitico non è ancora ferito dai rumori e dal cemento.
Trekking Alta Via 3 Dolomiti
Trekking in Georgia
CONFERMATO 08 POSTI DISPONIBILI
From€2700 con volo incluso partenza da Roma o Milano
Trekking in Georgia
Il trekking in Georgia è un'avventura irripetibile nel cuore profondo delle montagne del Caucaso fra i 2.000 e i 3.500 metri, al confine con il Daghestan e la Cecenia, nelle regioni di Tusheti e Khevsureti, considerate le più belle e selvagge di tutta la Georgia. Queste regioni sono di quanto più bello e selvaggio si possa trovare nel Caucaso. Il Tusheti è considerata una delle zone più belle dell'intera Georgia. Situata nel nord-est del paese, il Tusheti confina con il Dagestan e la Cecenia. Sono le alte montagne ad essere indiscusse protagoniste, infatti le altitudini sono comprese tra i 1650 e i 4493 metri con gole ripidissime che danno vita a panorami spettacolari. La regione del Khevsureti si trova a nord anch' essa al confine con la Cecenia. Con meno di 3.000 abitanti, è probabilmente la regione più inaccessibile e misteriosa della Georgia. Si crede che sia abitata dai discendenti dei guerrieri crociati ed è solcata da valli con pareti ripidissime "sorvegliate" da antiche fortezze.
Trekking in Georgia
Trekking in Kirghizistan
CONFERMATO
From€2360 entro il 29/02/2024
Trekking in Kirghizistan
Un viaggio in un paese bellissimo tra l'altopiano del Pamir e la catena montuosa del Tien Shan, ancora non raggiunto dal turismo di massa. Tre trekking in 3 aree diverse del paese per assaporare la diversità degli ambienti di questa vasta regione in cui vivono persone molto accoglienti e gentili
Trekking in Kirghizistan
Il Cammino dei Fari
Al COMPLETO
From€930
Il Cammino dei Fari
Il Cammino dei fari è un percorso di 200 km circa che unisce Malpica a capo Finisterre in Galizia all’ovest della penisola Iberica in Spagna. Un infinitá di paesaggi, diversi, sempre con il mare, l’oceano atlantico a fare da protagonista. Fari, spiagge, dune, fiumi, scogliere, foreste, estuari con una biodiversita unica, formazioni granitiche bizzarre, fortificazioni celtiche, dolmen, villaggi di pescatori, punti panoramici sul mare dove le onde si infrango in tutti i modi possibili. E gli splendidi tramonti ...tutto questo è il cammino dei fari. Un percorso come pochi altri, che porterà il viaggiatore in un mondo di sensazioni uniche che possono essere godute solo su questa magica Costa da Morte.
Il Cammino dei Fari
ALPE DEVERO E L'ORO DEI WALSER-PIEMONTE
CONFERMATO
From€740
ALPE DEVERO E L'ORO DEI WALSER-PIEMONTE
In questo viaggio alpino negli alti pascoli del Devero, incontreremo panorami d’ampio respiro, circondati da maestose cime che si specchiano in laghi alpini dalle acque cristalline. Boschi di larici, abeti e rododendri attendono il nostro passaggio. Mentre sentieri antichi, ricchi di storia e segnati dal tempo, ci condurranno attraverso pascoli verdi punteggiati di fiori e profumi di erbe alpine, narrandoci la storia dei Walser e del loro pregiato formaggio Bettelmat. In questi ambienti la mano dell’uomo c’è ma non disturba, sul filo di un equilibrio rimasto immutato nel tempo, rispettoso della natura, nel duro lavoro degli alpeggi. Il silenzio sarà nostro amico e compagno prezioso di viaggio che ci regalerà la possibilità di sincronizzarci con il ritmo dei passi e della natura.
ALPE DEVERO E L'ORO DEI WALSER-PIEMONTE

Marco Rosso

Rispondi

Your email address will not be published. I campi obbligatori sono segnati con *

Copyright © 2020-2025 TREKKILANDIA - All Rights Reserved